Il fiume principale è l'Adige con gli affluenti Passirio, Isarco (con il suo tributario Rienza), Noce e Avisio. Ciononostante, gli attentati terroristici in Alto Adige ripresero con forza nella seconda metà degli anni settanta del Novecento, per finire solamente alla fine degli anni ottanta. Inoltre con l'ingresso in guerra dell'Italia la società trentina si ritrovò spaccata dal conflitto: i soldati trentini arruolati nell'imperiale regio esercito si ritrovarono nemici degli irredentisti che, come Cesare Battisti, scelsero di fuggire nel Regno d'Italia e di arruolarsi nel Regio Esercito. Per godersi al meglio la bellezza delle valli delle Dolomiti, è interessante conoscere tutte le informazioni che le riguardano. Helmut Alexander; Stefan Lechner; Adolf Leidlmair, La Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol nel XX secolo, Il testimone di cemento - Le fortificazioni del "Vallo Alpino Littorio" in Cadore, Carnia e Tarvisiano, La zona d'operazione delle prealpi nella seconda guerra mondiale. In seguito all'immigrazione dall'estero si sono diffuse in Trentino-Alto Adige altre fedi, specialmente la religione islamica e il cristianesimo ortodosso, ma anche l'induismo e il buddismo-scintoismo.[53]. Confinata tra i 2000 e i 3000 m vive la marmotta (in particolare in Val Rendena, nel Meranese e in genere nel Trentino occidentale). Tutti i contenuti sono prodotti da creators indipendenti tramite la piattaforma, Zungri: cosa vedere nel paesino calabrese, Zona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus, Zona del Barolo: cosa vedere tra i comuni, Zibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare, Montagne della Luna, Africa: tutte le informazioni, Legendary 8, Val Gardena: informazioni e dettagli, Murales della Costituzione nel borgo di Aielli, Scuola degli elfi in Islanda: di cosa si tratta, Curacao, l’isola riapre: quando andare e cosa vedere, Foligno: cosa vedere nei dintorni, la guida, Dune di Piscinas, Sardegna: tutte le informazioni, Gigante dell’Appennino di Giambologna: di cosa si tratta, Cappella degli Scrovegni di Padova: misteri, leggende e storia, Portogallo: quali sono i laghi più importanti da esplorare, Borghi che sembrano presepi: i più belli d’Italia, Castello delle cerimonie a Napoli: dove si trova, tutte le info, Muraglia Cinese: come è stata costruita e come visitarla, Canosa di Puglia: cosa vedere nella città archeologica, Cammino di Santiago de Campostela: storia, percorso, significato e periodo migliore, Cattedrale di Lungro, Cosenza: storia e struttura, Ferrovia turistica Vigezzina – Centovalli: percorso panoramico, Week end sulla neve in Campania: le mete migliori, Campi Flegrei: la storia eruttiva e altre curiositÃ, Isola Mako, Australia: tra verità e fantasia, Sky Lagoon di Islanda: la nuova laguna blu con una vista speciale, Lago Blu di Cervinia in inverno: cosa fare, come arrivare, la leggenda, Hawaii: gli squali bianchi più grandi del mondo, Loreto: l’interessante storia della Santa Casa, Viaggi in treno più belli al mondo: quali sono, Luoghi strani nel mondo: la classifica dei più bizzarri, Arabia Saudita: cosa non fare in viaggio per non rischiare la multa, Fiume Tagliamento: dove nasce e dove sfocia. Il Consiglio regionale (in tedesco Regionalrat) del Trentino-Alto Adige è l'organo legislativo della Regione autonoma. Un traguardo importante, in cui l’Ami ha soddisfatto i palati musicali di … [34] A ciò occorre aggiungere le uccisioni e gli arresti che il 28 giugno 1944 decapitarono la resistenza trentina e il locale CLN, portando alla morte Giannantonio Manci che ne era alla guida. Con la caduta dell'Impero romano d'Occidente nel 476 d.C., la regione fu inclusa nel Regno di Odoacre e successivamente nel Regno degli Ostrogoti (493-553). Dopo la riforma le due province possono avere dei partiti regionali ben distinti e separati e delle elezioni separate (come alle elezioni del 2008). (In B.U. Elenco comprensori sciistici aperti con i bollettini neve per oggi e del week end. La regione è produttrice di diversi tipi di vino, tra cui l'Alto Adige Pinot Bianco, l'Alto Adige Valle Venosta Traminer aromatico, il Teroldego Rotaliano, il Lagrein, il Trentino Muller-Thurgau e il Trento spumante bianco, Alto Adige Valle Isarco Sylvaner Bressanone. South Tyrolean Transformations, 1915-2015, La regione Trentino – Alto Adige/ Südtirol nel XX secolo: I: Politica e istituzioni, Storia del Trentino: VI: L'età contemporanea. [15][16] Allo stato attuale, la popolazione di lupi si aggira intorno ai cinquanta esemplari. In questo modo fu coronata da successo anche la ricerca di forme d'autonomia da sempre richieste dalle popolazioni trentine, ma indebolita l'autonomia sudtirolese perché legata a una maggioranza di lingua italiana. Viceversa in inverno prevalgono le correnti da nord o da est che apportano tempo freddo e asciutto. In genere nei fondovalle cadono dai 700 ai 900 mm, ma nelle vallate più settentrionali dell'Alto Adige, schermate da rilievi elevati, le piogge annue scendono sotto ai 600 mm annui. Una ricerca. L'integrazione della regione nei domini di Roma avvenne nel I secolo a.C. La sconfitta definitiva dei Reti, avvenuta nei pressi di Bolzano, si ebbe a seguito delle campagne militari nelle Alpi di Druso e Tiberio nel 16 a.C. Nel I secolo a.C. venne fondata anche la città di Tridentum, attuale Trento (anche se alcuni studiosi ipotizzano una fondazione precedente, risalente all'invasione gallica del III secolo a.C.). La RAI Radiotelevisione Italiana intrattiene due sedi separate a Trento e a Bolzano. Caratteristico delle vallate alpine è anche il Foehn. [11][12] La ricomparsa dell'orso ha destato forti emozioni tra la popolazione e un particolare interesse mediatico (in particolare l'orso Bruno, abbattuto in Baviera nel 2006,[13] e l'orsa Daniza, morta dopo la cattura nel 2014[14]). In Alto Adige i servizi religiosi vengono offerti in lingua tedesca per la popolazione germanofona. Con le guerre napoleoniche e le temperie nazionalistiche abbattutesi anche nella regione, i toponimi incominciarono ad assumere un valore di rivendicazione etnica e politica. Gazzetta delle Valli Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Val di Funes: sui sentieri più belli del mondo (Alto Adige) Provincia di Bolzano Le Dolomiti delle Odle sono una zona poco nota dell’Alto Adige, a latere della valle Isarco, vicino alla più rinomata val Gardena. Alle cifre allarmanti, diffuse dal canonico Michael Gamper, che indicavano "50 000 immigrati italiani in Alto Adige negli ultimi sette anni" replicò uno studio del Commissariato del Governo e dell'Istituto Centrale di Statistica che quantificò l'aumento della popolazione italiana tra il 1947 e il 1953 nella cifra di poco più di 8 000 unità, legato alla riattivazione postbellica degli uffici statali e militari e alla risistemazione delle opere pubbliche. Il Trentino-Alto Adige è ricco di corsi d'acqua. Alto Adige, Italia . La valle è collegata con la Val Gardena attraverso il Passo Sella, che permette di spostarsi in modo agevole tra le due splendide vallate trentine. Rappresenta il fiume più lungo che bagna, almeno parzialmente, il territorio italiano. Anche nomi e cognomi delle persone vennero italianizzati d'ufficio. Nel 1416 venne presa Rovereto. I calcoli dei residui fiscali collocano il Trentino-Alto Adige tra le regioni in attivo, che danno di più allo Stato centrale (in termini di imposte, tasse e contributi) di quanto ricevono sotto forma di trasferimenti o servizi pubblici statali.[56]. Tra le Dolomiti e le Alpi dello Zillertal, sono valli laterali dell'Adige con piccoli centri abitati per una vacanza all'insegna del relax, per gli amanti dell'escursionismo e della montagna. In Trentino gli occupanti nazisti incoraggiarono invece l'autonomismo locale nominando Adolfo De Bertolini (un ex-esponente liberale mai compromesso con il fascismo) Commissario Prefettizio. Destinazioni Le più belle valli del trentino alto adige. Un ruolo primario nell'economia regionale viene svolto dal settore pubblico, viste le ampie competenze da amministrare e le corrispettive risorse finanziarie da gestire. Il Trentino Alto Adige è una destinazione perfetta per un viaggio all’insegna del relax e della natura. Inoltre, è possibile visitare borghi incantevoli, come il paesino di San Candido e la località di Valdaora. | Durante l'impero austro-ungarico furono costruite diverse fortificazioni, tra cui il forte di Fortezza (dove secondo la leggenda i nazisti avrebbero nascosto un'ingente quantità di oro, mai ritrovato). Guida d'Italia del Touring Club Italiano, Trentino-Alto Adige, 1976, pag. [17] Anche la presenza della lince, data per estinta, è stata di nuovo rilevata. Altri passi tra i due paesi sono il passo di Resia, il passo Stalle e il passo del Rombo. I magazine di Notizie.it: Considerata l'orografia del territorio, vi sono notevoli differenze fra la densità di abitanti delle zone di alta montagna (in cui si sono verificati fenomeni di spopolamento e di migrazione verso le città delle principali valli) e quella delle valli principali, in particolare la Valle dell'Adige, dove sorgono Trento e Bolzano. I paesaggi ameni che si possono ammirare nel territorio della regione costituiscono scenari perfetti per godersi la bellezza della natura. Un pane tipico del Trentino-Alto Adige è la spaccata. Nel campo della frutticoltura il Trentino-Alto Adige detiene il primato produttivo con il 59,3% della produzione nazionale di mele (1 338 761 tonnellate nel 2008). La regione è compresa tra le Alpi centrali e quelle orientali, mentre a sud il confine è delimitato dal lago di Garda e dalle Prealpi venete. ord. Fu così che l'86% degli altoatesini di lingua tedesca optarono per la Germania nazista (minore fu l'adesione fra i trentini di lingua tedesca). Durante il primo bombardamento di Trento si verificò la strage della Portela. Merano e Lèvico Terme sono legate invece al turismo termale. Il Governo italiano rispose al terrorismo con una massiccia presenza militare in Alto Adige. [23] L'unica industria di qualche importanza era quella idroelettrica. Diverse sono poi le riserve regionali (tra cui la Riserva naturale integrale delle Tre Cime del Monte Bondone), le zone di protezione speciale e le altre aree protette (biotopi, tra cui il Biotopo Laghetto di Gargazzone) presenti in Trentino-Alto Adige. Al 1º gennaio 2017[50] i cittadini stranieri residenti in regione sono 93.250. Se in un primo momento i governi liberali perseguirono una politica abbastanza tollerante verso le minoranze tedesche, il subentrato governo fascista perseguì invece una politica di assimilazione violenta delle minoranze di lingua tedesca e ladina e una progressiva italianizzazione dell'Alto Adige, incentivando l'arrivo di immigrati provenienti dal Trentino e dal resto d'Italia (soprattutto nordorientale). Il territorio altoadesino è noto a livello nazionale e internazionale per la sua incredibile bellezza. Alla popolazione di lingua tedesca fu imposto di scegliere se diventare cittadini tedeschi e conseguentemente trasferirsi nei territori del Terzo Reich o se rimanere cittadini italiani integrandosi nella cultura italiana e rinunciando a essere riconosciuti come minoranza linguistica. L'accordo De Gasperi-Gruber sancì che la provincia di Bolzano rimanesse all'Italia, prevedendo per gli abitanti di lingua tedesca dell'Alto Adige adeguate tutele. Il settore zootecnico più rilevante è relativo ai bovini da latte, da cui si ricava una grande varietà di prodotti caseari tipici (tra cui il Trentingrana). [1] La legge di modifica costituzionale n. 3 del 18 ottobre 2001 ha inserito la dizione del 1972 (vedi l'articolo 116) nella Costituzione italiana.[41]. Lo sport più praticato nella regione è indubbiamente lo sci durante il periodo invernale con decine di stazioni invernali (es. Le famiglie contano in media 2,4 componenti. Nella tabella seguente sono elencati alcuni dei più importanti castelli, suddivisi tra le due province. Nel 1426 la Val di Ledro e Tignale passarono sotto Venezia. Sport Magazine. Il maggior bacino interno al Trentino-Alto Adige è però il lago di Resia, artificiale. Particolare è il caso del passo di San Pellegrino che, pur collegando la località di Moena in val di Fassa (TN) con l'abitato di Falcade nella valle del Biòis (BL), risulta interamente compreso nel territorio del Trentino-Alto Adige, in quanto il confine con il Veneto si trova a circa quattro chilometri dal valico nel versante orientale e non sul passo vero e proprio. Con una tiratura media di 28 511 unità è il secondo quotidiano della regione, preceduto dalla Dolomiten in lingua tedesca con 50 711 copie, vendute principalmente in Alto Adige. Essa ebbe origine nel XIV secolo a.C. nella valle dell'Adige tra Trento e Bolzano e raggiunse il suo apice tra il XIII e l'XI secolo a.C., soprattutto grazie all'estrazione del rame, materiale necessario per la produzione del bronzo. Riuscirono a imporsi i conti di Tirolo, una casata che prese il nome dall'omonimo castello presso Merano. 1/2), "Nomina Alumnorum Collegii Germanici et Hungarici Tomo II", p. 232 (nota n. 379): Der Autonomiekampf der Welschtiroler und die Stellung der deutschen Parteien und Regierungen, Veröffentlichungen des Museum Ferdinandeum in Innsbruck, «Von den rund 900.000 Einwohnern entfielen über 380.000 auf den Landesteil südlich von Salurn, den die Italiener Trentino, die Deutschen meist Welschtirol bezeichneten.», La popolazione straniera, residente in provincia di Trento, al 1º gennaio 2018, Rapporto sulla situazione dei musulmani in Italia rispetto alla fruizione di beni e servizi, Tasse, il Trentino Alto Adige è la regione più virtuosa nei confronti del fisco, Dati Regionali 2012 shock: Residuo Fiscale (saldo attivo per 95 miliardi al Nord), Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol, stemma e gonfalone: DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 21 marzo 1983: Concessione di uno stemma e di un gonfalone alla Regione Trentino-Alto Adige. La maggioranza dei residenti di lingua tedesca, che aveva subito una forte emarginazione politica, economica e sociale da parte del regime fascista, si dichiarò favorevole a emigrare. agenzia messner snc codice in materia di protezione dei dati personali c.u.n. [59] Il tasso di disoccupazione nel terzo trimestre 2014 ammontava al 4,9%, il più basso d'Italia (5,7% in Trentino e 4,2% in Alto Adige).[60]. Questo assetto istituzionale è riconducibile alla diversa composizione linguistica della popolazione, quasi completamente di lingua italiana in Trentino e in maggioranza di lingua tedesca in Alto Adige con l'eccezione di cinque comuni (Bolzano, Bronzolo, Laives, Salorno e Vadena) dove la maggioranza linguistica è quella italiana. Casa Magazine [65], Anche il settore dell'istruzione e della ricerca è ben sviluppato in Trentino-Alto Adige, con la presenza dell'Università di Trento e della Libera Università di Bolzano. La parte meridionale della regione vide una breve affermazione della Repubblica di Venezia, cominciata nel 1411, quando la Repubblica di San Marco, per effetto del testamento di Azzone Francesco di Castelbarco, entrò in possesso di territori in Vallagarina, in particolare di Ala, Avio, Brentonico e parte di Mori. Con patente imperiale del 24 marzo 1816 il Trentino venne incorporato nella contea del Tirolo, a maggioranza tedesca. [20], L'assetto della contea del Tirolo destava un diffuso malcontento nell'odierno Trentino, dove si riteneva che le autorità di Innsbruck non investissero sufficienti risorse pubbliche nel loro territorio e che non consentissero ai suoi cittadini l'accesso ai gradi più elevati dell'amministrazione.[21]. Vi si coltivano anche la vite, il limone e l'Ulivo. Le popolazioni autoctone svilupparono una parlata neolatina nella quale si fuse il sostrato retico-celtico, il cosiddetto retoromanzo. Del tutto particolare è il successivo tratto di cammino fino allo sbocco delle valli di Sole e di Non nella valle dell’Adige. La Val di Fiemme si trova immersa in un contesto montano decisamente suggestivo. Le province trattengono per sé il 90% della maggior parte dei tributi dovuti dai contribuenti residenti per poter finanziare le numerose competenze legislative e amministrative che – a differenza delle altre Regioni ordinarie – non vengono esercitate o finanziate dallo Stato (il sistema dell'istruzione, dalla scuola materna all'università, il settore sanitario e quello sociale, la gestione dell'intera rete delle strade statali e provinciali). I camosci sono abbastanza frequenti nella zona tra i 1300 e i 3000 m, i caprioli nella fascia tra 500 e 800 m. Lo stambecco, in passato già estintosi, venne reintrodotto nel Parco Nazionale dello Stelvio nel 1967. Dopo la caduta del regno ostrogoto fu la volta dei Longobardi, che annessero al loro regno la regione. [19], Questo assetto venne spazzato via dalla ripresa delle ostilità nel 1813 e dalla riconquista del territorio da parte delle truppe asburgiche. In occasione del censimento decennale della popolazione gli abitanti del Trentino-Alto Adige dichiarano la propria appartenenza a uno dei gruppi linguistici riconosciuti dallo statuto di autonomia: italiano, tedesco, ladino, mocheno e cimbro. Economicamente il territorio trentino-tirolese in epoca asburgica era una regione basata soprattutto sull'agricoltura e l'allevamento in piccole e medie aziende agricole di proprietà famigliare, di cui le più piccole e numerose si trovavano soprattutto nella parte italofona. Intorno al 500 a.C. si sviluppò la cultura di Fritzens-Sanzeno, conosciuta anche come la cultura dei Reti, che prese il posto della cultura di Luco-Meluno a sud dello spartiacque alpino e della cultura dei campi d'urne a nord dello stesso. Dall'ultimo quindicennio del XIX secolo in poi la diversità linguistica tra italofoni e germanofoni incominciò a divenire motivo di scontro. A seguito dell'armistizio firmato dall'Italia con gli Alleati, l'intera regione (unitamente alla provincia di Belluno) venne costituita come Zona d'operazioni delle Prealpi (in tedesco Operationszone Alpenvorland) con capoluogo Bolzano, di fatto annessa al Terzo Reich, anche se continuava a far formalmente parte della Repubblica sociale italiana. Il Trentino è quasi completamente italofono o parla dialetti trentini, con comunità storiche germanofone: mocheni nell'alta valle del Fersina, detta anche valle dei Mocheni o Bersntol, e cimbri, questi ultimi concentrati nel comune di Luserna, ma presenti in alcuni comuni vicini delle province di Vicenza e Verona. Gli inverni sono rigidi. Lo stesso sistema di rotazione vale anche per la presidenza del consiglio regionale. In Alto Adige vi furono due diverse resistenze, una di lingua italiana guidata dal Comitato di Liberazione Nazionale di Bolzano e una di lingua tedesca guidata dall'Andreas Hofer Bund; entrambe poterono far poco dal punto di vista strettamente militare a causa della forte presenza nazista. Le catene montuose si innalzano fino a quote altimetriche di oltre 3900 m. Nella parte meridionale della regione, presso la riva trentina del lago di Garda, l'altitudine scende a 65 m s.l.m. Per questo, i paesaggi del Trentino non sono semplici cartoline da fotografare ma sono entità vive, grazie al delicato equilibrio tra piante, uomini e animali. Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza? La regione Trentino-Alto Adige ai sensi dell'art. Alla scoperta delle statue di Piazza Dante, I dimenticati della grande guerra, la memoria dei combattenti trentini (1914-1920, A Land on the Threshold. Con il trattato di Verdun dell'843 una parte del Trentino-Alto Adige, comprendente la Val d'Adige sino a Merano, venne assegnata al Regno d'Italia governato da Lotario I, mentre le altre valli, che rimasero spesso oggetto di contesa per il controllo dei passi alpini, andarono al Regno dei Franchi Orientali dove regnava Ludovico II il Germanico. Verso nord prevalgono i carpini, i faggi e gli aceri fino a una quota di 1200–1400 m. Più in alto prevalgono abeti rossi, larici e betulle che sopra i 2000 m cedono il posto ai pascoli Alpini e a una vegetazione tipica della tundra a causa della rigidità del clima. La Ferrovia della Valsugana, la Ferrovia Trento-Malé-Mezzana, la Ferrovia Bolzano-Merano, la Ferrovia della Val Venosta e la Ferrovia della Val Pusteria sono linee minori. Il Trattato di Parigi tra Francia e Baviera del 28 febbraio 1810 segnò l'annessione al Regno d'Italia napoleonico di buona parte del Trentino e alcune parti dell'odierna provincia di Bolzano nel dipartimento dell'Alto Adige (fu in quest'epoca che venne coniato il termine Alto Adige), mentre il Primiero e l'area intorno a Dobbiaco furono aggregati al dipartimento della Piave. Castel Fontana, diventato nel 1974 il museo agricolo Brunnenburg (Landwirtschaftsmuseum Brunnenburg), illustra usanze e modi di lavoro dei contadini della zona.[40]. La parte italofona fu la più colpita e decine di migliaia dei suoi abitanti dovettero lasciare la propria terra per emigrare in Europa o nelle Americhe. Tra i castelli più noti di epoca medievale vi sono castel Tirolo, castel Roncolo (il maniero illustrato) e il castello del Buonconsiglio di Trento. 24 s. Provincia Autonoma di Trento, Grandi carnivori in Trentino, L'orso bruno in Alto Adige, la situazione attuale, Provincia Autonoma di Bolzano - Agricoltura e foreste, Corriere.it: Germania: l'orso «Bruno» è stato ucciso, 26 giugno 2006, Corriere.it: L'orsa Daniza morta durante la cattura: «Non ha retto l'anestesia», 11 settembre 2014, Provincia Autonoma di Trento Servizio Foreste e fauna - Ufficio Faunistico, marzo 2014: Il lupo in Trentino, Provincia autonoma di Bolzano - Alto Adige | Ripartizione Foreste, Fauna, Caccia Â» La presenza del lupo in Alto Adige Â» La situazione in Alto Adige, Lupi in regione: 13 in Alto Adige e 38 in Trentino, nel 2018 risarciti 54 attacchi al bestiame. Tutti gli impiegati e funzionari della Provincia di Bolzano devono essere bilingui, cioè parlare almeno l'italiano e il tedesco. Il Trentino-Alto Adige è una regione a statuto speciale. Lo scoppio della seconda guerra mondiale intervenne però a rallentare le operazioni di esodo e circa un terzo degli espatriati tornò in Italia dopo il conflitto. Con il regno di Berengario I, la marca di Trento entrò nell'orbita della più potente marca di Verona. | Il nome "Trentino" deriva da Tridentum (nome romano di Trento) per via dei tre colli (Monte Verruca o Doss Trento, Dosso Sant'Agata e Dosso di San Rocco[42]) che circondano il capoluogo. L'espansionismo veneziano non si fermò e nel 1441 la pace di Cavriana suggellò la conquista di Torbole e Riva del Garda. Molti piatti, come i canederli, lo strudel, i crauti, denotano la vicinanza della cucina del Trentino-Alto Adige con quella austriaca. Tuo Benessere L'agricoltura regionale aveva subito duramente la grande crisi agraria incominciata negli anni '70 del XIX secolo. Su iniziativa del trentino De Gasperi venne allora creata sulle ceneri della Venezia Tridentina la Regione Autonoma Trentino-Alto Adige, che venne dotata del primo statuto di autonomia. in valle Aurina, la Testa Gemella Occidentale(2837 m s.l.m.) Tutti i lavori. L'identità "tirolese" era quindi espressa naturalmente dagli abitanti senza implicare niente di linguistico o politico (si veda, per esempio, il caso del prelato Cristoforo Migazzi, cardinale, vescovo in Ungheria e arcivescovo a Vienna, trentino di lingua "romanza", ovvero italiana, che si autodefiniva "tirolese"[44]). Il Trentino-Alto Adige è inoltre una delle regioni italiane più all'avanguardia per quanto riguarda l'utilizzo di fonti di energia rinnovabili. Dati i limitati poteri a essa attribuiti, e la natura derivata delle sue autorità rispetto a quelle delle due singole amministrazioni locali, dopo le riforme istituzionali del 2001 la Regione Trentino-Alto Adige può essere considerata una confederazione delle due province autonome. Nel 1363 Margherita di Tirolo fu costretta in seguito a pressioni politiche a cedere la contea del Tirolo al duca d'Austria Rodolfo IV d'Asburgo. Sono invece altoatesine la val Passiria, la val Martello, la valle Isarco, la val Gardena, la val Pusteria, la val Badia e la val Venosta. Nelle nostre guide puoi scoprire tutte le misure adottate dai nostri operatori e fornitori di servizi turistici per tutelare te e i tuoi cari In generale le maggiori precipitazioni cadono sui rilievi più elevati e nei settori meridionali e occidentali della regione, dove i venti occidentali e meridionali che accompagnano il passaggio delle perturbazioni atlantiche apportano umidità: qui le piogge ammontano a 1200–1400 mm annui. In inverno prevalgono precipitazioni a carattere nevoso, più abbondanti sui rilievi. I rinvenimenti archeologici dimostrano la presenza dell'uomo nelle valli del Trentino-Alto Adige dopo la fine dell'ultima glaciazione, intorno al 12 000 a.C.. Risalgono a epoca mesolitica insediamenti nella valle dell'Adige, la zona più adatta alle attività umane per il suo clima e la posizione di centralità rispetto alle valli laterali. Tra l'età del bronzo e la prima età del ferro si sviluppò la cultura di Luco-Meluno. Oltre a castelli e fortezze, in Trentino-Alto Adige si trovano diverse chiese, abbazie e monasteri, tra cui l'abbazia di Monte Maria, l'abbazia di Novacella e il monastero di Sabiona. Fino alla metà degli anni cinquanta del Novecento la Democrazia Cristiana e la Südtiroler Volkspartei (SVP), il partito di riferimento della popolazione di lingua tedesca guidato in origine da membri della Resistenza al nazismo, collaborarono nella gestione dell'ente regionale. Al censimento del 1910 la maggioranza degli abitanti del Trentino-Alto Adige (Welschtirol e Deutsch-Südtirol secondo la denominazione asburgica) era complessivamente di lingua italiana. Nel 1509 l'espansione di Venezia, sconfitta dalla Lega di Cambrai, poté essere fermata e la Serenissima fu via via costretta ad abbandonare i possedimenti trentini. Alpi, valichi fiumi e laghi del Trentino Alto Adige. Simbolo di questa contesa erano due monumenti: quello a Walther von der Vogelweide a Bolzano (realizzato nel 1889) e quello a Dante Alighieri a Trento (realizzato nel 1896). La giunta regionale (in tedesco Regionalausschuss) è presieduta dal presidente della regione ed è composta da assessori (solitamente 5) e da due vice presidenti della regione, uno trentino e uno altoatesino. L'offerta museale comprende tra l'altro il museo d'arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto (MART), MUSE - Museo delle Scienze di Trento e il Museo archeologico dell'Alto Adige. Delle due province, quella di Bolzano è la più ricca con un PIL pro capite di 42 284 €, contro i 36 547 € della provincia di Trento. Cosa vedere e cosa fare nei dintorni di Foligno, in provincia di Perugia. Giganteschi massicci rocciosi aprono orizzonti immensi e si susseguono a perdita d'occhio, scintillanti di ghiacciai. Inoltre il governo intrattiene rapporti separati con le due province: in regione infatti vi sono due Commissariati del Governo, uno a Bolzano per l'Alto Adige e uno a Trento per il Trentino. A partire dagli anni Novanta del XX secolo è stata rafforzata la cooperazione transfrontaliera tra le regioni del Tirolo storico a cavallo tra Italia e Austria. [30] Tra le cause dell'adesione alle opzioni vi furono le pressioni e le violenze esercitate dalle locali organizzazioni naziste contro i Dableiber (gli abitanti di madrelingua tedesca che avevano optato per l'Italia e quindi per restare nella propria terra), nella sostanziale indifferenza delle autorità italiane che nei mesi cruciali per le opzioni lasciarono circolare la leggenda che chi avesse rifiutato di trasferisi in Germania sarebbe stato deportato in Sicilia. Trentino Alto Adige, Elezioni 2018: tutte le liste, i candidati e i collegi sabato, 3 marzo 2018 Trento – 408.460 elettori trentini chiamati alle urne, 373358 sopra i 25 anni e quindi chiamati al voto sia alla Camera che al Senato. Il passo dello Stelvio fra Trentino-Alto Adige e Lombardia è il valico automobilistico più alto d'Italia. Non esiste pertanto una RAI Trentino-Alto Adige a livello regionale. [62] Nonostante ciò, però, il settore agricolo è piuttosto rilevante: infatti è un ottimo settore e altamente specializzato, con pochi prodotti ma di qualità ricercata[63]. Valli e fiumi dell’Alto Adige. ), ISTAT: Pil pro capite in termini reali in calo in tutte le regioni nel 2012. Hist. Nel territorio trentino non si registrò la presenza di grandi formazioni partigiane, come quelle attive nelle confinanti province di Vicenza e Belluno (zone in cui combatterono molti antifascisti trentini). In Trentino-Alto Adige è poi presente una minoranza linguistica ladina, parlante il ladino, una lingua retoromanza, parlata anche nel vicino Veneto. Nonostante la vittoria italiana a Bezzecca, il Trentino-Alto Adige rimase asburgico, mentre il Veneto e il Friuli venivano uniti al Regno d'Italia. Nel rispetto dell'accordo De Gasperi-Gruber, il primo statuto del Trentino-Alto Adige ripristinò l'insegnamento del tedesco e ristabilì la toponomastica bilingue. Posizionato nella suggestiva cornice delle Dolomiti di Brenta, l'hotel è circondato dallo splendido ambiente naturale dell'alta valle di Non, famosa non solo per le mele Melinda ma soprattutto per l'ampiezza e la luminosità che la rendono unica tra tutte le valli del Trentino. Dopo un passato tormentato l'Alto Adige è oggi visto come un esempio di pacifica convivenza fra gruppi etnici. Il Trentino-Alto Adige (AFI: /trenˈtino ˈalto ˈadiʤe/; in tedesco: Trentino-Südtirol)[6][7] è una regione italiana a statuto speciale dell'Italia nord-orientale di 1 074 464 abitanti[4], con capoluogo Trento. Durante la dominazione asburgica il territorio dell'odierno Alto Adige era conosciuto come Mitteltirol, cioè Tirolo centrale,[45] o Deutschsüdtirol[46], mentre con Südtirol si designava propriamente l'odierno Trentino,[47] detto anche Welschtirol[48] o Welsch-Südtirol dai tedeschi. La denominazione fu usata durante il Regno d'Italia per designare l'insieme delle nuove province di Trento e Bolzano, ma decadde nell'uso dopo la Seconda guerra mondiale, quando la costituzione italiana introdusse le regioni.